Sicilia - Messina - Vulcano

Proposte economiche per giovani e famiglie

  • Residence , Solo Soggiorno
  • 1 notte
  • 3 stelle
  • Solo Pernottamento , Pernottamento e prima colazione

L'isola è bellissima da visitare, sia via terra che dal mare, noleggiando una piccola imbarcazione con la quale effettuare il periplo o raggiungere la vicinissima isola di Lipari. Cosa vedere: Vulcanello separa la baia di Porto Levante che guarda verso Panarea a Stromboli, da quella di Porto Ponente, che guarda verso Filicudi ed Alicudi.
Da non perdere la pozza dei fanghi termali, una delle principali attrattive dell'Isola fin dai tempi antichi. Nello specchio di mare antistante obbligatorio il bagno nelle sue acque calde, codì definite perché riscaldate da ebollizioni sottomarine dovute alla fuoriuscita di gas caldi dai fondali.
E' il luogo ideale per le vacanze degli amanti della natura. Vulcanello nella migliore posizione di Vulcano, circondato dal mare, in un immenso parco di pini misti alla singolare vegetazione mediterranea che degrada direttamente nel mare. E' il villaggio club più rinomato delle isole Eolie. Nell'interno del complesso, accessi al mare pulito. Gli appartamenti sono posizionati in complessi uniti tra loro da stradine e vialetti ombreggiati.

Dettagli

Posizione:
in località Vulcanello. Distanze: dal mare, 50/200 mt. dalla discesa a mare privata; 900 mt. spiaggia “Sabbie Nere” - dal centro, 1,5 km.

Descrizione:
si compone di più edifici a due piani o villette bifamiliari, immersi in oltre 10.000 mq. di macchia mediterranea.

Appartamenti:
40 tra Mono, Bilo e Trilo, con patio e giardino al piano terra, veranda o terrazzo al primo piano. Dotazioni: servizi con doccia, angolo cottura interno o esterno in patio coperto, TV, frigo, ventilatore a soffi tto. Aria condizionata solo in mono e in bilo 4 su richiesta con supplemento.

Mono 2/4: soggiorno con letto matrimoniale. Possibilità di due letti aggiunti.

Bilo 4/5: soggiorno con due letti, camera matrimoniale. Possibilità di letto aggiunto.

Bilo 6/8: su due livelli, al piano terra soggiorno con divano letto doppio e camera doppia o matrimoniale non completamente separata; al piano superiore ampia camera doppia o matrimoniale. Possibilità di due letti aggiunti.

Trilo 6: soggiorno con due letti, due camere doppie o matrimoniali.

Servizi:
reception con custodia valori, internet point.Nuova piscina d’acqua di mare con zona bambini ed idromassaggio € 5 dai 6 anni in Agosto, gratis restanti periodi. Navetta da/per il porto ad orari prestabiliti. Trasferimento in arrivo e partenza, su richiesta. Parcheggio incustodito. Animali ammessi di piccola taglia. Si accettano carte Visa e Mastercard. A pagamento: servizi internet, ristorante convenzionato con menu a partire da € 22,noleggio gommoni, barche, auto e scooter; parco termale convenzionato “Oasi del benessere” a 1,5 km.

Spiaggia:
privata di sabbia, ciottoli e scogli, attrezzata con docce, spogliatoi, servizi igienici, ed un piccolo chiosco-bar, un ombrellone e due sdraio ad appartamento.


Soggiorno 14:00/10:00, minimo 7 notti periodi dal 30/07 al 26/08, libero nei restanti periodi.

Per pacchetti con volo chiedi adesso la migliore quotazione al tuo promotore di fiducia!


Termalismo
L’Isola si protende verso Lipari con l’ultimo dei suoi vulcani in ordine di tempo, Vulcanello, che emerse come isolotto, poi si congiunse al corpo principale per riempimento del breve tratto di mare, ove si formò uno stretto istmo.
Nacquero, così, due baie: quella di Levante caratterizzata da una serie di fumarole sia in acqua che sulla spiaggia, dove si apre anche il porto per l’attracco di navi ed aliscafi; la baia di Ponente, con la sua splendida spiaggia di sabbia nera, caratterizzata dal Faraglione delle Sirene e da una vista incomparabile sulle Isole di Lipari, Salina, Filicudi
Sovrasta la zona del porto l’imponente edificio vulcanico della Fossa, culminante nel Gran Cratere.
Più a sud, tra i Monti Aria e Saraceno, si estende Vulcano Piano, a 400 metri di altitudine; è quanto resta di un vasto cratere precedente alla Fossa, di ben kmq. 4 di estensione, coperto oggi da pascoli e da una ricca vegetazione in netto contrasto con l’aspra aridità della più recente zona vulcanica.
Le coste di Vulcano sono affascinanti; dal mare si può godere lo spettacolo incomparabile del susseguirsi di strapiombi di rocca, spiaggette  solitarie, grotte marine (Grotta del cavallo, Piscina di Venere), fantastica rassegna della creatività di Efesto.

Itinerari interessanti
L’interesse primario di un soggiorno nell’Isola è la sua natura vulcanica che non ci abbandona mai, né in terra né in mare. Gli itinerari che descriviamo succintamente, hanno per oggetto, diretto o indiretto, il fenomeno endogeno ed esogeno nelle sue molteplici manifestazioni e gli approcci dell’uomo con il Ciclope.
Vulcano Porto e Vulcanello.
A breve distanza dagli attracchi delle navi e degli aliscafi, si erge il Faraglione dove si trovano gli accessi alle gallerie, dalle quali  si estraeva lo zolfo e l’allume; dalla sua sommità (mt. 56) ci si può rendere conto della conformazione geografica della zona.
Ai piedi del Faraglione la baia delle acque calde, il mare ribolle di fumarole sprigionate dalle viscere del vulcano, a pochi metri dalla medesima costa il laghetto naturale dei fanghi caldi, meta durante tutta l’estate di coloro che immergendovisi ne traggono benefici per reumatismi, artrosi, psoriasi  o semplicemente dei benefici ai guasti del tempo sulla pelle; sorge spontaneo il paragone con un girone dantesco, ma se proverete ad immergervi prima nel laghetto e successivamente nel tepore della baia delle acque calde a mare, scoprirete che tra infermo e paradiso la differenza è sottile ….
Superando l’istmo che collega Vulcano a Vulcanello la strada ci conduce sino alla Valle dei Mostri, uno dei tre crateri che formano Vulcanello, un anfiteatro craterico il cui fondo è costituito dalla sabbia nera, da osservare con attenzione la delicatezza dei colori delle rocce laviche, le quali secondo l’inclinazione della luce che le colpisce e la prospettiva dalla quale si osservano assumono appunto l’aspetto di mostri. Non ultimo si può godere di un panorama mozzafiato.

Il Gran Cratere
Dal molo si prosegue a sinistra, seguendo le indicazioni per il cratere, già dalla strada, osservando la parete del cono, si può notare a mezza costa la presenza di un cratere avventizio e poco oltre una colata di ossidiana: si tratta di testimonianze della eruzione verificatasi verso la meta del ‘700.
A circa 1 km. Di distanza un cartello indica la via d’accesso al cratere; il sentiero dal fondo sabbioso si inerpica lungo i fianchi del cratere, lungo il percorso si possono notare i depositi giallo-grigi di una eruzione del VI secolo d.C. Nell’ultimo tratto del sentiero, si incontrano, sulla sinistra, alcune fumarole, in corrispondenza del vecchio sentiero, hanno depositato diverse patine di solfo dal vivace colore giallo.
Eccoci, infine, dopo un ultimo tornante, sul bordo del Cratere della Fossa (o Gran Cratere): ci troviamo, così, davanti ad uno spettacolo da inferno dantesco caratterizzato dai fumi aspri delle fumarole dal pungente odore di solfo.
Percorrendo, in senso anti orario, il bordo craterico, si incontrano lungo il cammino enormi “bombe a crosta di pane”; dal bordo sud ovest si gode un’ottima visione del campo fumarolico antistante e del bordo interno del Cratere. Dopo aver proseguito il percorso del bordo, si giunge sul versante meridionale: da qui si osservano sulla destra sia il Monte Saraceno che le pareti della Caldera della Fossa.
Giunti in cima, il punto più alto 391 mt sul livello del mare (contrassegnato da due piloni geodetici), si ha un’ottima visione panoramica dell’intera isola e, in condizioni favorevoli, dell’intero arcipelago delle Isole Eolie.

Vallone Roia
Si parte dal primo tornante della strada che dal Porto sale al Piano; da qui un sentiero conduce alla voragine strapiombante lungo la quale cfi si cale nel letto del torrente che, raccogliendo le acque del Piano, si è scavato il percorso sino al mare tra vertiginose pareti di roccia. Si raggiunge, quindi, la fonte che gli isolani chiamano ”a Schicciula”, la Goccia, dove si raccoglievano le gocce del più prezioso e raro bene delle isole, l’acqua dolce.

Vulcano Piano e Capo Grillo
Il piano è il punto più alto dell’isola, distante km. 7,2 dal Porto percorrendo la strada asfaltata. L’altipiano, che si è formato per riempimento dell’enorme cratere del primo edificio vulcanico, oggi offre un panorama alpestre verdissimo, quasi bucolico, con greggi e casette coloniche.
Dal Piano, seguendo l’indicazione stradale, si raggiunge Capo Grillo, una terrazza naturale, che si affaccia sull’incomparabile scenario del mare e dell’intero Arcipelago, anche in condizioni di visibilità poco favorevoli.
Può darsi che da qui si può comprendere perché alcuni lascino ogni cosa e scelgano di vivere su un isola.

Il Gelso
Dista dal Piano km 7 e dal Porto Km 14. Dal limite orientale del Piano, una stradina e un sentiero scendono ripidamente al mare, raggiungendo così il piccolissimo villaggio di Gelso e il Faro (ormai in disuso).
Il pendio è costellato dalle casette dei primi Eoliani che si decisero a vivere sulle spalle del Vulcano nell’ultimo scorcio del secolo XIX, coltivando capperi, uva nera e pescando; successivamente si sono aggiunte le dimore di coloro che hanno deciso di stabilirsi e vivere in questo luogo di pace.
Altresì, poco discosta dal porticciolo troviamo la spiaggia dell’Asino oppure al Cannitello in un mare incantevole, di fronte alla costa Siciliana.

Date e prezzi
Prezzo
dal 01/04/19 al 31/10/19
Quota ad apprtamento Bilo 4+1 a notte a partire da
€ 130
dal 01/04/19 al 31/10/19
Quota ad apprtamento Bilo 6+2 a notte a partire da
€ 144
dal 01/04/19 al 31/10/19
Quota ad apprtamento Mono 2+1 a notte a partire da
€ 79
dal 01/04/19 al 31/10/19
Quota ad apprtamento Trilo 6 a notte a partire da
€ 160
dal 07/11/19 al 31/03/20
chiusura stagionale
---
Incluso/Escluso

I prezzi s'intendono a notte ad appartamento

La quota comprende:
- Sistemazione in appartamento prescelto
- Trattamento di solo pernottamento
- Consumi energetici, biancheria da letto/bagno con cambio bisettimanale, pulizia finale (angolo cottura a cura del cliente)


La quota non comprende:
- Quota iscrizione che include l' assicurazione medico/bagaglio/annullamento €30 a persona adulti, €15 bambini 2/12 anni n.c.
- Quanto non espressamente indicato alla voce "la quota comprende" 

Offerte speciali non cumulabili con soggiorno minimo 7 notti
- Sconto del 10% per prenotazioni confermate 45 giorni prima della partenza escluso agosto


Speciale combinazionevolo dai principali aeroporti italiani, possibilità di pacchetto con aliscafo da Napoli e trasferimenti collettivi a fasce orarie + aliscafo per l'Isola.
Quota viaggio + trasferimento A/R: Volo € 260 - Treno + Aliscafo € 208 - Aliscafo da Napoli € 120
Volo per catania + trasferimento collettivo al porto di Milazzo + aliscafo per l’isola, Supplemento € 40 in alta stagione, ponti e festività - Tasse di sbarco, aeroportuali e YR/YQ escluse - Treno AV + Aliscafo da Napoli da Roma Termini per napoli in 2a classe + trasferimento al porto - Supplementi: Alta Stagione dal 01/07 al 31/08 € 10 - Booking fee € 30 dai 2 anni - Aliscafo da Napoli giornaliero dal 30/05 al 08/09

Appunti di Viaggio

Vulcano si trova a nord-est della Sicilia e a sud dell' Isola di Lipari da cui è separata dal Canale di Vulcano, ed amministrativamente fa parte della provincia di Messina. L'isola di Vulcano è composta da tre apparati vulcanici: a nord vi è il Vulcanello (123 metri) risultato di un'eruzione del II secolo a.C. e collegato all'isola da una stretta lingua di terreno formatasi dai detriti delle colate laviche; al centro vi è il Gran Cratere o Cono Vulcanico (385 metri) ancora attivo; e a sud si trova il monte Aria (499 metri) ormai inattivo, rappresenta la cima più alta di Vulcano.
Vulcano è un’isola di particolare interesse per i suoi fenomeni vulcanici e post-vulcanici. L’altopiano di Vulcano, il più vasto delle Eolie, è circondato da colline che degradano verso il mare. Vulcanello, formata da tre crateri allineati in direzione Nord-Est/ Sud-Ovest è costantemente tenuta sotto controllo dall’Istituto di Vulcanologia dell’Università di Catania.
L'isola è abitata da circa 450 persone occupate soprattutto nel campo del turismo, in quello termale (l'isola di Vulcano è infatti ricca di molte sorgenti di cui molte anche sottomarine) e nella viticoltura.

Cenni Storici di Vulcano
Anticamente Vulcano veniva considerata dai Greci un'isola sacra ad Efesto (dio dei Vulcani) in quanto si pensava che l'"isola di fuoco" fosse il luogo dove gli Dei forgiassero le loro armi. Vi sono leggende che descrivono il cratere di Vulcano come l'officina di efesto nella quale lavoravano i Ciclopi: il nome antico dell'isola era infatti Hierà (la sacra) o Hierà Ephaistou (l'isola sacra a Efesto). L'intensa attività vulcanica dell'isola è sempre stata nota ed impressionò famosi storici come Aristiìotele, Plinio e Senofane. A causa di questa attività si pensa che l'isola non sia stata abitata fino a periodi piuttosto recenti. Nel periodo di dominazione romana, l'isola di Vulcano veniva sfruttata per le risorse minerarie (allume di zolfo e legname) e questo sfruttamento durò fino all'epoca dei Borboni. Dopo la fine del dominio borbonico, nel 1860 lo scozzese Stevenson acquistò la parte nord dell'isola di Vulcano, vi fece edificare la propria villa e vi iniziò la coltivazione dell'uva. Stevenson continuò lo sfruttamento dell'isola fino al 1888 quando una forte eruzione distrusse tutte le attrezzature e costrinse lo scozzese ad abbandonare l'isola.
Negli ultimi tempi l'isola di Vulcano sta riscuotendo molto successo in campo turistico: il periodo di grande notorietà cominciò nel dopoguerra, quando su Vulcano venne girato il film interpretato dalla celebra attrice Anna Magnani (in contrapposizione con quello girato a Stromboli da Rossellini). Altro momento di celebrità dell'isola di vulcano, fu quando il noto personaggio televisivo Mike Buongiorno decise di far costruire a Vulcano la propria villa.

Cucina Tipica di Vulcano
La cucina tipica di Vulcano si differenzia da quella delle altre Isole in quanto la popolazione si è dedicata alla pastorizia ed alla caccia: troviamo quindi buonissimi formaggi come la ricotta di capra di Vulcano ed il formaggio primo sale di capra. Alcuni piatti tipici sono le frittelle di ricotta, gli spaghetti alla ricotta (conditi rigorosamente con la ricotta tipica di Vulcano), il coniglio in agrodolce, le lumache di mare in brodetto a base di lumache di mare, pomodoro, cipolla e prezzemolo.


Mappa

Vuoi maggiori informazioni su questa offerta?

Compila il modulo qui sotto e ti contatteremo per creare insieme il tuo viaggio


Riferimenti contatto


Tutto quello che vuoi raccontarci (domande, richieste particolari, altro...)


Newsletter X

Non perderti le migliori offerte della settimana!
Lascia qui la tua email per ricevere ogni settimana le offerte più interessanti e uniche!